Dimagrisci. Qual è la cosa più importante che ci impedisce di perdere peso?

Dimagrisci. Qual è la cosa più importante che ci impedisce di perdere peso?

Dimagrisci. Mangi tanto, ma sei grasso? Stai cercando di perdere peso, ma perdere peso non funziona? Ecco una lista di possibili cause.

Slim down non va? Molto dipende dall’età.

Quando siamo giovani, di solito veniamo mangiati a secco. Con il tempo, anche senza follie culinarie, è difficile mantenere le vecchie dimensioni. La colpa è dei cambiamenti ormonali.

Gli estrogeni sono responsabili della corretta combustione di carboidrati e grassi. I loro livelli cambiano con l’età. Quando siamo giovani e sani, è stabile. Nel periodo premenopausale (da cinque a otto anni prima della menopausa) cresce fortemente, e dopo la menopausa cade. La carenza di estrogeni porta a rallentare il metabolismo, quindi uno dei segni dell’invecchiamento è l’aumento di peso”, spiega il ginecologo endocrinologo dr n. med Katarzyna Skórzewska.

È quindi il modo migliore per smettere di aumentare di peso è quello di prendere regolarmente gli estrogeni? – Purtroppo non è così semplice. Se una donna inizia a prendere estrogeni e in molte situazioni deve farlo, sì, il suo metabolismo è più veloce, ma gli ormoni presi dall’esterno aumentano l’appetito. Soprattutto per i dolci e i piatti grassi”, dice l’endocrinologo.

Anche gli uomini rallentano il loro metabolismo durante la menopausa. Il testosterone, che ha accelerato il metabolismo e molti altri organi, scompare lentamente. L’iperestrogenismo comincia a svilupparsi, portando all’accumulo di tessuto adiposo, soprattutto sullo stomaco.

Il metabolismo è anche rallentato con l’età dai cambiamenti nel sistema digestivo. – Quando invecchiamo, abbiamo meno villi intestinali nell’intestino tenue, quindi la capacità di assorbire il cibo diminuisce. Cominciamo ad accumulare cibo sempre più spesso, ad esempio sotto forma di gocce di grasso, nel nostro fegato. Smettiamo di usare tutto quello che abbiamo. Con l’avanzare dell’età si sviluppano anche varie malattie, come la gastrite cronica, che interferiscono con l’assorbimento delle sostanze nutritive: vitamina B12, ferro, calcio.

I pasti irregolari rendono difficile perdere peso

Per perdere un po’ di peso, rinunciamo alla cena, a volte saltiamo la colazione per ridurre l’equilibrio calorico giornaliero. A volte ceniamo al lavoro, a volte non mangiamo niente fino a quando non torniamo a casa. Ci atteniamo alla regola: meno pasti ci sono, meglio è. – Quando mangiamo in modo irregolare, il corpo è confuso. Una volta si mangia a una certa ora, un’altra no. Ad un certo punto, già presuppone che non lo otterrà, e comincia ad accumulare scorte per durare più a lungo senza un pasto. Se mangiamo regolarmente, cinque pasti al giorno ogni tre ore, continuiamo a mangiare il cibo, non lo rimandiamo. Il metabolismo con un’alimentazione regolare accelera, non rallenta”, spiega la dietista Hanna Stolińska-Fiedorowicz dell’Istituto per l’alimentazione e la nutrizione. I pasti irregolari possono anche provocare attacchi di fame, durante i quali si arriva al cibo senza memoria. Il principio fondamentale della dieta: spesso, ma non molto.

La mancanza di acqua rallenta il metabolismo e ostacola la perdita di peso.

Ci sembra di bere molto durante il giorno, ma quando iniziamo a contare quanto abbiamo bevuto ieri, siamo delusi dal fatto che siamo lontani da una dose giornaliera di uno e mezzo a due litri. Molte persone in sovrappeso bevono volutamente poco perché hanno la sensazione che siano i fluidi del corpo a farli sentire duri. Un buon prodotto è Fito Spray, di cui si legge a pagina https://myfititaly.it/dimagrante/fito-spray/. Perdiamo peso rapidamente e senza effetto yo-yo. Ma bere acqua non peggiora il gonfiore, anzi. – Dimentichiamo che noi umani siamo costituiti per l’80% da acqua. Se non beviamo abbastanza acqua, tutti i processi del nostro corpo iniziano a rallentare. Vale la pena di bere il primo bicchiere d’acqua subito dopo il risveglio.

Dimagrimento e carenza di vitamina D

Quando abbiamo una carenza di vitamina D, il corpo deposita il grasso più velocemente”, spiega la dietista Hanna Stolińska-Fiedorowicz. In Polonia, si può contare sul fatto di ottenere la giusta dose di vitamina D sotto l’influenza del sole da maggio a settembre. E con il cibo (pesce, uova e latticini) è difficile consumare la giusta quantità di vitamina D. L’integrazione è necessaria, e non solo per aiutare a bruciare i grassi – l’elenco delle malattie associate alla mancanza di vitamina D è ancora più lungo. Gli adulti dovrebbero assumere 800-2000 UI di vitamina D al giorno. Potete chiedere al vostro medico la dose, e un esame del sangue per determinare il livello di vitamina D è anche utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *